“Il tasso di successo dei bandi europei su progetti italiani è del 4%. Significa che il 96% delle richieste di fondi fallisce perché i progetti sono mal posti, magari in inglese scorretto, oppure non hanno sostanza”. Così l’europarlamentare Angelo Ciocca ha esordito al convegno “Finanziamenti europei e della Regione Lombardia a sostegno del sistema produttivo”, organizzato da AINM ieri, 27 ottobre, presso l’auditorium BCC di Sesto San Giovanni.
Da qui sono seguite le “istruzioni per l’uso”, che la platea di imprenditori ha seguito con grande interesse per l’attualità del tema in tempo di crisi. Oltre all’onorevole Ciocca, infatti, hanno preso la parola anche Alessandro Colucci, presidente della commissione Programmazione e Bilancio della Regione Lombardia, che ha illustrato con altrettanta concretezza i mezzi e le normative attraverso le quali accedere con successo ai bandi emessi non solo dall’Europa ma dalla Regione (“Sono 617 i milioni di incentivi dati dalla Lombardia, di cui hanno beneficiato ben 9.500 imprese”) .
Per le ampie opportunità rese dal Comune di Sesto San Giovanni ha parlato l’assessore alle Attività produttive Maurizio Torresani, spiegando le facilitazioni e le detassazioni offerte dal Comune per lo sviluppo delle attività imprenditoriali sul territorio.
Per orientare le imprese in iter complessi e poco noti a Bruxelles è attivo il “Pianeta Lombardia”, cui ci si può rivolgere proprio affinché quel 96% di insuccessi diventi una storia di bandi andati a buon fine e fondi europei entrati nell’impresa italiana. Troppe sono ancora le occasioni perdute: “Il touch screen dei nostri tablet è un brevetto italiano, che però l’Italia ha lasciato comprare agli americani – ha esemplificato Ciocca – Dovremmo essere noi oggi a produrlo per tutto il mondo”.
Un grazie sentito è stato espresso dal presidente di AINM, Salvatore Belcastro, alla BCC Milano, rappresentata dalla Dott.ssa Eleonora Bisel, e ai tanti partecipanti che hanno gremito l’auditorium e posto interessanti quesiti ai relatori.

Articoli Correlati